Prima di tutto, puoi scaricare la mappa e la app di WalkTo il sito del Comune di Torino dedicato a chi passeggia, cammina o corre per la città!

Presentazione WalkTo



- La storica tranvia a dentiera Sassi - Superga è unica in Italia nel suo genere. E' la continuazione di una tradizione ultracentenaria iniziatasi il 26 aprile 1884 con la prima corsa effettuata dalla funicolare costruita con il sistema Agudio: il trenino era mosso da un motore trainante una fune d'acciaio che scorreva parallelamente al binario su pulegge sistemate lungo il percorso.

La linea fu poi trasformata, nel 1934, in tranvia a dentiera con trazione a rotaia centrale ed oggi, completamente ripristinata, offre ai visitatori un viaggio d'altri tempi sulle carrozze originarie e un panorama indimenticabile.

Il percorso si sviluppa per 3.100 metri tra la stazione di Sassi (sita a Torino in piazza Modena, a 225 metri s.l.m.) e la stazione di Superga (a 650 metri s.l.m.). Il dislivello totale di 425 metri è superato con una pendenza media del 13,5%, con punte massime del 21% nel tratto finale tra Pian Gambino e la Stazione di Superga. All'arrivo a Superga si può ammirare uno splendido panorama su Torino e le Alpi, visitare la Basilica di Superga edificata dallo Juvarra e le tombe reali dei Savoia.

INFO E BIGLIETTI: La biglietteria si trova all'interno della stazione di Sassi.

Il servizio è accessibile anche alla clientela disabile mediante assistenza di due accompagnatori, previa segnalazione al numero tel. 011/5764733 oppure 011/5764750.

Nei giorni feriali è necessario che i gruppi di almeno 10 persone effettuino precedentemente la prenotazione. Non è possibile prenotare per le giornate di sabato e festive.

- NAVIGARE IL PO

I nuovi battelli

Valentina II e Valentino II sono lunghi mt 20 e larghi 5,10 e dispongono di una vasta parte vetrata, parzialmente apribile sulle superfici laterali e superiori, che consente ai passeggeri di godere dello scenario lungo il fiume con la massima visibilità e a più diretto contatto con la natura. Il comfort a bordo è assicurato anche dalla presenza dell’impianto di aria climatizzata.

Sono 78 i posti a sedere e 22 quelli in piedi, con due servizi igienici, di cui uno dedicato alle persone con disabilità. Per tutti i posti a sedere, inoltre, è disponibile un’audioguida in 5 lingue: italiano, francese, inglese, tedesco e spagnolo; un commentario storico culturale della Città, che non dimentica di descrivere anche il panorama di cui si gode dal battello.

Le tratte

Sono rinnovate e costituiscono un'altra novità del servizio. Infatti, l'intera tratta di navigazione si allunga fino a Italia 61 in prossimità del rinnovato Museo dell’Automobile. Sono quindi due le tratte: Murazzi - Borgo Medioevale e Borgo Medioevale - Italia 61.

Si avvisa che presso l'imbarco del Borgo Medioevale è disponibile un sollevatore per persone con disabilità in carrozzella che ha una portata complessiva massima di 150 kg (peso della carrozzina + peso del suo utilizzatore).



- ASCENSORE PANORAMICO DELLA MOLE ANTONELLIANA

L'ascensore panoramico in funzione all'interno della Mole Antonelliana, grazie ad una cabina ascensore ad alto contenuto tecnologico con pareti realizzate in cristallo trasparente, effettua la sua corsa in un'unica campata a cielo aperto senza piani intermedi dalla quota di partenza, posta a 10 metri di altezza, fino agli 85 metri del "tempietto" stesso dal quale si può ammirare una veduta aerea del magnifico scenario della città.

Il costante significativo successo di pubblico è indice del gradimento dei turisti nei confronti del servizio GTT, ad ulteriore valorizzazione della Mole Antonelliana che continua a costituire il simbolo più noto di Torino (ed il cui interesse turistico è ulteriormente aumentato da quando ospita il Museo del Cinema).

Il servizio è accessibile anche alle persone con disabilità, per le quali è gratuito; inoltre, il servizio è gratuito anche per gli accompagnatori delle persone con disabilità non autosufficienti.

- TORINO MAGICA

Il tour serale della città tra magia bianca e magia nera

La città di Torino è stata sempre legata alle leggende che riguardano i culti esoterici di magia bianca e magia nera tanto da meritarsi l’appellativo di città magica. Si dice che numerosi punti del capoluogo piemontese, evidenziati da simboli esoterici e massonici, siano attraversati da misteriose energie. Esistono oggi dei tour che portano i turisti e residenti alla scoperta di questi luoghi con una guida che spiega le leggende ed i misteri legati a quest’ultimi e alla città di Torino.Il Tour Torino Magica è un percorso serale che si svolge regolarmente il giovedì e il sabato a Torino, che vi porterà a scoprire i lati più insoliti e segreti della città, legati al mondo dell’esoterismo e della massoneria. Leggenda vuole, infatti, che la città di Torino sia profondamente legata a tutti e due i triangoli del mondo della magia: sia a quello della magia bianca, che comprende anche Lione e Praga, che a quello della magia nera, insieme a San Francisco e Londra.

Il percorso ha inizio proprio dalla parte più misteriosa e inquietante della città: Piazza Statuto. Qui si trova il Monumento ai Caduti del Frejus che, proprio come la piazza, presenta numerosi riferimenti al mondo della massoneria. Sulla sommità della statua è addirittura raffigurata una stella a cinque punte, tipicamente simbolo del demonio.

Il percorso della Torino Magica continua poi con il Rondò della Forca e Piazza Solferino, dove è collocata la Fontana delle Quattro Stagioni, le cui figure sono state considerate dalla stessa Chiesa Cattolica come immagini d’ispirazione massonica. Oltre ai numerosi simboli collegati al mondo dell’esoterismo e della massoneria disseminati attorno alla piazza, esiste un altro dettaglio, sempre legato ai rituali magici, da prendere in considerazione: tutti questi luoghi si trovano nella zona ovest della città, orientati verso il punto cardinale associato al tramontare del sole e, di conseguenza, alla presenza del Maligno.

Le vie successive che si percorrono sono prevalentemente occupate da banche e i palazzi che si trovano in questa zona della città, specialmente gli edifici di Via Alfieri, sono caratterizzati da simboli esoterici. Di particolare interesse è il Palazzo del Diavolo, legato a numerose leggende e già precedentemente sede della Fabbrica dei Tarocchi.

Il tour procede poi verso la parte “bianca” di Torino. In Piazza San Carlo si trova, infatti, una statua raffigurante la Madonna e la Sacra Sindone. Passando per Piazza Castello si arriva, infine, all’ultima tappa dell’itinerario: Piazza Vittorio. Qui, di fronte alla Chiesa della Grande Madre di Dio, si trova la statua di Vittorio Emanuele I, la cui direzione, così vuole la leggenda, indicherebbe il luogo in cui è nascosto il Santo Graal.

Così si conclude questo insolito itinerario della città, un percorso alla scoperta degli angoli più sconosciuti e inquietanti di Torino, legati ai misteri della massoneria e dell’occulto, ma anche al mondo più rassicurante della fede e della magia bianca.

E POI TUTTI I MUSEI Clicca qui

E TUTTI I PERCORSI DI ARTE E CULTURA Clicca qui